The cabin

Il Natale ormai è passato e l’appuntamento annuale della family incombe, ci ritroviamo al punto prestabilito dopo aver fatto abbondante scorta di birra, al cibo pensano gli altri, in una località più o meno spersa nel nulla più assoluto: una curva anonima al limitare di un bosco anonimo in mezzo allo stato dell’Ontario, no non è Risiko, è la realtà. Scarichiamo macchine e pickup, si allestiscono le due motoslitte che abbiamo a disposizione, per il quod si farà un’altra volta c’è troppa neve.

Scott 1 e Scott 2 si preoccupano di battere un po’ la strada ma la neve è tanta e ci mettiamo in cammino lungo questa pista che si snoda nel bosco. Fa piuttosto freddo e la fatica si fa sentire, si sprofonda fino al ginocchio e dopo una mezzora di cammino la mancanza di forma fisica comincia a farsi sentire. Intorno a noi non si muove niente, nessun suono, sembra di essere in una foresta di cristallo. La temperatura si abbassa ulteriormente con l’arrivo del tardo pomeriggio. Non abbiamo pensato a tenere a portata di mano delle torce e quindi bisogna darsi una mossa prima che faccia buio. Non deve essere simpatico perdersi in questi posti nelle lunghe notti invernali 🙂

Finalmente, dopo quasi 2 ore di cammino, giungiamo al cabin che altro non è che una capanna abbarbicata su uno sperone che sovrasta quello che è un lago enorme formato, come da programma, da una famiglia di castori che stanzia allegramente nella zona.

BI9A3264

Il cabin che ci ospiterà per i prossimi 3/4 giorni è essenziale come solo le capanne nel bosco sanno essere. Due locali riscaldati da stufe a legna, una delle quali funge anche da fornello e all’occorrenza forno. Un soppalco, un specchio, vari ricordi di caccia e di famiglia appesi alle pareti. La corrente elettrica non esiste, se non per poche ore al giorno grazie ad un generatore, l’acqua corrente un lontano ricordo, copertura cellulare solo nei film, il bagno? beh ecco vedi quella casupola ad una cinquantina di metri da qui, ecco quello è il bagno che altro non è che un buco nella terra. Un buon samaritano in tempi remoti deve aver portato qui un bbq e così, in attesa che l’ambiente almeno si intiepidisca, ci sistemiamo come meglio possiamo nel gelo polare.

BI9A3250

In verità tutte queste scomodità mi sembrano più delle comodità… mi sembrano…

BI9A3299

Grandi risate accompagnano la cena e le chiacchiere che attorno al tavolo ci portano verso l’ora del sonno. Siamo tutti un po’ stanchi per via della camminata, del freddo, e insomma c’è voglia di infilarsi nel sacco a pelo. Ognuno ha il suo posto prestabilito, noi ci accomodiamo sul soppalco ed il sonno non tarda ad arrivare.

Buona notte cabin, domani con la luce del giorno vedremo come sei veramente 🙂

BI9A336210