Pensieri sparsi

Oggi è una giornata particolarmente difficile per via del mal di testa post trasferta. Dopo un 3 ore di lavoro ho dovuto cedere ai medicinali e in attesa che facciano effetto… beh viaggiamo un po’.

Prima di tutto con i ricordi. Attraverso la rete e i vecchi post del viaggio dell’anno scorso stiamo ripercorrendo parte delle nostre avventure non senza versare qualche lacrima.

Una cascata, un cervo, una grandinata i nostri compagni di questa mattina. Basta poi veramente poco per farsi un viaggio.

La prima regolare del viaggiatore (che poi di prime regole ce ne sono a bizzeffe)?
Avere una memoria di ferro 🙂

Qualche foto veramente suggestiva ci riporta a luoghi lontani, a luoghi remoti. A luoghi nei quali abbiamo vissuto come se fossero nostri, a luoghi che sentiamo nostri come il giardino sotto casa. Difficile dimenticare. Altrettanto difficile stare qui seduti alla scrivania. Ma tantè che manca anche qualche giorno allo stop di quest’anno e quindi responsabilmente chiniamo il capo e riportiamo la concentrazione sui lavori, tanti, che ancora si dimenano nella todo-list per essere evasi.