L’ultimo wienerschnitzel

Pensi che tre settimane saranno lunghe, pensi che saranno sufficienti a ridarti un po’ di quella pace che ormai è solo un ricordo lontano, invece passa tutto in un attimo e ti ritrovi, in un caldissimo ed assolato giovedì iniziato con un vento impetuoso ed un freddo pungente, su di una panca di un gasthof qualunque a mangiare la tua ultima cena, un wienerschnitzel, una kraut salad ed un apfelstrudel nel disperato tentativo di trattenere ancora per qualche ora il ricordo di quello che è stato.

Tra poco saremo di nuovo fagocitati dalla vita irrimediabilmente frenetica della nostra asfissiante pianura, una vita che ormai ci va stretta come un maglione infeltrito.

Avremo modo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi di sfogliare l’album dei ricordi di questo periodo e riportare a galla i mille accadimenti che hanno farcito questo viaggio a partire da questa splendida famiglia, i Lugger, una scoperta strabiliante in un universo conosciuto per la sua freddezza e distacco, sopratutto verso noi italiani, si sono dimostrati persone di una cordialità e di una squisitezza senza eguali. Nonostante i problemi di comunicazione ci siamo conosciuti e, almeno per quanto ci riguarda, portiamo a casa la sensazione di aver incontrato persone che di questi tempi appaiono più una rarità che la normalità. Un lusso ed un privilegio.

Rientriamo che fa quasi buio. Camminiamo mano nella mano in mezzo ad una strada, l’unica strada, deserta. Succede ancora che quando incontri qualcuno ci si saluti, è così strano! Il silenzio è rotto solo dal torrente che scorre a poche centinaia di metri. Uno spicchio di luna crescente fa capolino ad ovest.

Come dimenticare questi luoghi?

Elogio alla normalità

Sono passate due settimane esatte da quando siamo arrivati. Abbiamo fatto la nostra vita di sempre. Qualche passeggiata a piedi, qualche giornata di ozio a leggere 16 ore, qualche partecipazione alle feste paesane, disegnato, colorato, praticato yoga. Insomma non molto diverso, tolto il lavoro, da quello che poi facciamo anche a casa.

Però c’è un’aspetto che ho colto solo da un paio di giorni che determina una profonda differenza, un solco incolmabile tra il nostro tram tram di Modena e il tram tram di questi luoghi. Proprio ieri mentre rientravamo dalla spesa discutevamo sul “ma che cosa fa questa gente?” e a parte qualche tipico lavoro turistico la domanda è rimasta senza risposta. Poi dopo pranzo mi sono messo a colorare mentre Lavi leggeva, voci dal basso ci hanno invitato per un tè multiculturale a cui ovviamente abbiamo partecipato più che volentieri. Ed è stato proprio in quel contesto che è emersa lampante questa parola che penso possa descrivere pienamente e racchiudere in se il significato di questa valle o per lo meno di questo paese: tranquillità.

Tranquillità perchè ogni cosa avviene secondo il suo ritmo consentendo prima di ogni altra cosa di viverla. Di portare a casa un qualcosa che va oltre la semplice cartolina che nell’arco di un paio di mesi sbiadisce nei nostri ricordi.

Guardo le persone e non vedo quella frenesia che invece raccontano i nostri amici e conoscenti, è forse l’assenza di tante distrazioni che focalizza le persone sulle relazioni e sull’essenzialità. Non so, sono solo ragionamenti a “voce alta” per cercare di trovare una dimensione a questa pace profonda che sento avvolgermi.

Abbiamo ancora poco meno di una settimana di permanenza, ma non sento per niente la scadenza del rientro anzi ho sempre più voglia di abbandonare tutto.

Quando scende la sera

Volgo lo sguardo ad ovest, in fondo alla valle dove sta lentamente tramontando il sole in un andirivieni di luci ed ombre e mi accorgo che improvvisamente l’unico rumore rimasto a rompere questo silenzio è il torrente che in fondo alla scarpata scorre verso est.

E’ allora che mi fermo ed aguzzo le orecchie, ma niente. Le ultime rondini danzano frenetiche nel cielo della sera, le nubi con il loro fare sornione lentamente scendono lungo i pendii aggrappandosi alle punti degli abeti. E’ il crepuscolo. Non c’è ancora buio ma non c’è quasi più luce. L’ultimo raggio di sole ha accarezzato da poco le rocce più alte ed è svanito. Guardo le case dall’altra parte della valle e giacciono buie ed immobili nonostante sia chiaramente abitate. Qui non ci sono luci superflue ad illuminare giardini o ingressi.

E’ surreale.

Rimango sul balcone attento con i sensi allerta, ma non si ode più nulla. Nessuna macchina transita per l’unica strada che attraversa la valle, il vento è cessato, nessuna voce a raccontare la giornata.

Verde, verde ovunque

E’ domenica 6 agosto e sono le 6 del mattino. La chiesa suona la prima chiamata dei fedeli sotto un cielo grigio carico di pioggia.

Sono due giorni che siamo in questo piccolo paese della Carinza, Maria Luggau, e quel che abbiamo capito è che nonostante la tecnologia qui i ritmi e le dinamiche assomigliano a quelle con le quali siamo cresciuti. Il vecchio adagio: tòla dòlza qui è di casa.

Bimbi che giocano a pallone per strada, porte delle case sempre aperte (anche di notte), gentilezza e cordialità a dispetto dei luoghi comuni che spesso ci vengono raccontati. Il nostro appartamento si trova in una fattoria a pochi metri da tutto quel poco che c’è ma da tutto quel che serve. Più di ogni altra cosa per il momento siamo rimasti colpiti dall’estrema cordialità ed ospitalità che non solo i nostri padroni di casa ci hanno dimostrato ma anche gli abitanti del paese. Ovviamente la barriera linguistica è un freno importante alle relazioni, ma tra italiano, inglese e tedesco qualcosa si riesce anche a dire.

Il paese in se non ha molto da offrire per chi cerca svaghi o mondanità. E’ tagliato in due da un’unica strada che percorre la valle, la Gailtal, che prende il nome dall’omonimo torrente affluente della Drava, tanti prati e tanti boschi. Una chiesa enorme meta di incessanti pellegrinaggi, un despar, due ristorantini e qualche negozietto di souvenir e prodotti locali.

Come si diceva un tempo: pane per il corpo e per lo spirito.

Ieri era giornata di festa, per lo meno la sera, e siamo stati invitati dai nostri padroni di casa ad assistere all’esibizione della banda locale, nella quale tra l’altro suonano sia il padre che due dei quattro figli, ed ad unirci a loro a tavola tra un boccale di birra ed una salsiccia. Una serata piacevole nonostante la poca conversazione, una serata nella quale ho ritrovato in parte le stesse dinamiche delle nostre feste paesane di un tempo. Ovviamente, essendo estremamente piccolo, quasi tutto il paese era presente, giovani da una parte a corteggiare le ragazze, vecchi e genitori dall’altra a battere il tempo con le mani ad ogni brano.

Tra le tante cose di ieri sera due mi sono rimaste impresse maggiormente. Da un parte uno dei vecchi seduti di fronte a me. Un uomo distinto dalle mani usurate dal lavoro, ma perfettamente curato. Dal vestito alla capigliatura. A colpirmi è stato quello sguardo lucido e triste dei suoi occhi azzurri; due occhi solitari annacquati nel boccale colmo di birra che la sua mano destra stringeva continuamente. Era credo una persona interessante, gentile nei modi ma che non conosceva nulla di inglese nè tantomeno di italiano quindi al di la di qualche saluto di cortesia è rimasta una figura indefinita al di la del tavolo.

Dall’altra una coppia di giovani turisti, quasi sicuramente di città. Lei una donna molto affascinante dai lineamenti regali, lui un uomo distinto sicuro di se. Entrambi fieri nei loro vestiti, entrambi virati al verde, elegantissimi. Lei con un cerchietto di rose, lui con i suoi capelli biondi ondulati e la sigaretta. Pareva di assistere ad una scena di un film. Avevano entrambi quello sguardo che hanno le persone quando sono sicure di se e della loro posizione nella gerarchia di questa società. Se ne stavano soli ad un tavolo laterale scambiandosi poche parole, un po’ come visitatori allo zoo che curiosi si aggirano sbirciando nelle gabbie.