L’ultimo wienerschnitzel

Pensi che tre settimane saranno lunghe, pensi che saranno sufficienti a ridarti un po’ di quella pace che ormai è solo un ricordo lontano, invece passa tutto in un attimo e ti ritrovi, in un caldissimo ed assolato giovedì iniziato con un vento impetuoso ed un freddo pungente, su di una panca di un gasthof qualunque a mangiare la tua ultima cena, un wienerschnitzel, una kraut salad ed un apfelstrudel nel disperato tentativo di trattenere ancora per qualche ora il ricordo di quello che è stato.

Tra poco saremo di nuovo fagocitati dalla vita irrimediabilmente frenetica della nostra asfissiante pianura, una vita che ormai ci va stretta come un maglione infeltrito.

Avremo modo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi di sfogliare l’album dei ricordi di questo periodo e riportare a galla i mille accadimenti che hanno farcito questo viaggio a partire da questa splendida famiglia, i Lugger, una scoperta strabiliante in un universo conosciuto per la sua freddezza e distacco, sopratutto verso noi italiani, si sono dimostrati persone di una cordialità e di una squisitezza senza eguali. Nonostante i problemi di comunicazione ci siamo conosciuti e, almeno per quanto ci riguarda, portiamo a casa la sensazione di aver incontrato persone che di questi tempi appaiono più una rarità che la normalità. Un lusso ed un privilegio.

Rientriamo che fa quasi buio. Camminiamo mano nella mano in mezzo ad una strada, l’unica strada, deserta. Succede ancora che quando incontri qualcuno ci si saluti, è così strano! Il silenzio è rotto solo dal torrente che scorre a poche centinaia di metri. Uno spicchio di luna crescente fa capolino ad ovest.

Come dimenticare questi luoghi?